EDINSON CAVANI – EL MATADOR URUGUAGIO


History Player / 2 Luglio 2019

Edinson Cavani nasce il 14 febbraio 1987 a Salto in Uruguay. È stato ed è tuttora uno degli attaccanti più decisivi del calcio mondiale. In carriera ha segnato 346 reti in 564 partite disputate con squadre di club, una media di 0,6 gol a partita. È il miglior marcatore della storia del Paris Saint Germain con 193 reti con cui ha vinto 5 volte il campionato francese, 5 volte la supercoppa francese e 4 volte la coppa di Francia.

Edinson è anche una leggenda dell’Uruguay. Si trova al terzo posto per presenze (113) e al secondo posto per gol realizzati (48) preceduto dal suo compagno di reparto Luis Suarez. Con la Celeste ha vinto la Copa America nel 2011. 
In Italia El matador ha vestito le maglie di Palermo e Napoli ed è proprio nella città partenopea che ha lasciato il cuore divenendo un idolo della tifoseria e della città intera.

El botija

Cavani non è sempre stato el matador. Inizia la sua carriera con il Salto per poi passare nelle giovanili del Danubio dove, a causa del suo fisico esile e fragile, viene soprannominato el botija termine che in uruguagio descrive un bambino. Nonostante la fragilità fisica si mette in mostra nelle giovanili del Danubio ed esordisce in prima squadra nel 2006 durante il torneo di Clausura. Nello stesso anno si mette in mostra anche nel Torneo di Viareggio nel quale mette a segno il gol vittoria contro la Primavera del Messina. Le sue prestazioni attirano l’interesse dei club europei. A vincere la concorrenza è il Palermo di Maurizio Zamparini che, nel gennaio 2007, riesce ad acquistare il talento uruguagio per 5 milioni.

– La nascita del matador

È negli anni in Sicilia che Cavani inizierà a far vedere il suo mostruoso potenziale. A Palermo rimarrà dal 2007 al 2010 anni in cui metterà a segno 37 reti in 117 presenze. Inizialmente schierato da esterno d’attacco formerà con Amauri e Miccoli uno degli attacchi più forti della storia del club anche se, a livello personale, dal gennaio 2007 al giugno 2008 segnerà solo 7 gol in 44 presenze. Nelle stagioni 2008/09 e 2009/10 la media realizzativa del matador crescerà esponenzialmente. In quegli anni, infatti, il Palermo era solito cambiare allenatore molto spesso, ma, con l’arrivo di Delio Rossi Cavani riuscì a realizzare 27 reti negli ultimi due anni in rosanero.

Gli anni in rosanero  sono stati davvero belli nonostante i tanti cambi di allenatore. In particolare ricordo l’ultimo annoquando Delio Rossi mi diede tanta fiducia: ho segnato tante reti con Miccoli, io e lui eravamo una grandissima coppia” .

Così Cavani ha ricordato gli anni palermitani in una intervista di un paio di anni fa ai microfoni di Premium Sport.

Edinson Cavani al Palermo

– La maturità all’ombra del Vesuvio

Se Palermo ha rappresentato la prima tappa europea e la prima piazza con cui potersi confrontare fuori dai confini di casa, gli anni al Napoli hanno rappresentato la maturazione calcistica ed umana per Cavani. Arriverà a Napoli il 22 luglio 2010 per 17 milioni e resterà all’ombra del Vesuvio per tre stagioni. Nella sua esperienza napoletana totalizzerà 104 reti in 138 presenze formando con Lavezzi ed Hamsik un tridente offensivo formidabile. Nella stagione 2010/11 trascinerà i partenopei fino alla qualificazione in Champions League segnando 26 reti in campionato. La stagione successiva vede il Napoli superare la fase a gironi della Champions per poi essere eliminato agli ottavi contro il Chelsea futuro campione. Nella competizione europea calciatore uruguaiano segnerà 5 reti in 8 presenze. Nella stessa stagione gli azzurri vinceranno la Coppa Italia ed il Matador vincerà il titolo di capocannoniere della competizione.

La sua ultima stagione col Napoli è la più prolifica. Segna 38 reti, 29 delle quali in campionato che gli valgono il titolo di capocannoniere della Serie A. Prima di lui solamente un altro giocatore del Napoli aveva vinto tale riconoscimento: Diego Armando Maradona.

– Ici c’est Paris

Nell’estate del 2013 lascia il Napoli per il Paris Saint-Germain per poco meno di 65 milioni. A Parigi Edinson Cavani si è definitivamente affermato anche a livello europeo. Con il club francese si è laureato per due volte capocannoniere della Ligue 1 e nel 2018 le sue prestazioni gli hanno permesso di vincere il Golden Foot.

Negli anni parigini Cavani si è messo in luce non solo per i suoi gol, ma anche per la sua umiltà e per la sua disponibilità al sacrificio. Queste qualità gli hanno permesso di coesistere con campioni dall’ego smisurato come Ibrahimovic e Neymar. Con i parigini non è, però, mai riuscito a superare i quarti di finale della Champions League. Unico cruccio di una carriera fantastica e che ancora sembra essere lontana dalla conclusione.

Le voci di mercato si rincorrono e ogni anno vogliono Cavani sempre più vicino ad un clamoroso ritorno in Italia. Allenatori, tifosi e fantallenatori farebbero carte false per rivedere el matador in Serie A e al fantacalcio.

Edinson Cavani al PSG

Per rimanere aggiornato sulle ultime news di calciomercato seguici su Facebook, Instagram e ovviamente su Fantarumors.
Se invece vuoi chattare con noi unisciti al nostro canale Telegram, ti aspettiamo!